NEWS

La legge sugli affitti vacanzieri delle Baleari ritarda fino alla fine dell’anno

15set

Derecho Inmobiliario y cuestiones Fiscales

Dal nostro studio di avvocati a Maiorca ed Ibiza forniamo gli aggiornamenti sul proggetto di legge chiamto a regolare gli affitti di abitazioni ad uso vacanziero.

Come abbiamo informato nel nostro articolo “Situazione legale ed urbanistica dopo il cambio di governo nelle Baleari” pubblicato il 6 luglio 2015, una delle nuove misure adottate dal Governo in materia legislativa riguarderà gli affitti turistici vacanzieri. La proposta di legge per gli affitti vacanzieri nelle Baleari, attraverso una modifica della Legge Generale del Turismo delle Baleari, prevedeva l’approvazione per questo mese di settembre 2016. Tuttavia non sarà trasmessa al Parlamento fino al prossimo periodo di sessioni (periodo compreso tra settembre e dicembre). In questo senso il Vice presidente e Consigliere per l’innovazione, investigazione e turismo del Governo, Biel Barcelò, ha informato che probabilmente la legge non entrerà in vigore fino al prossimo anno 2017 “a causa della complessità della questione”. Attualmente nelle Baleari l’affitto vacanziero si trova, dal punto di vista legale, in una zona grigia. L’attuale Legge del Turismo non include nessun regolamento o decreto di che regoli le permanenze turistiche vacanziere, però regola gli affitti di carattere vacanziero in abitazioni unifamiliari o bifamiliari nel suo art. 52. Tuttavia esclude le abitazioni indipendenti che si trovino in edifici plurifamiliari o a schiera in regime di condominio, ossia gli appartamenti. Nel nostro blog “Bufete Frau può aiutarla a registrare la sua abitazione turistica” forniamo le informazioni sulle tipologie di abitazioni in cui è permessa l’attività turistica. Nonostante la Legge del Turismo proibisca di affittare immobili attraverso canali turistici, i mille annunci che inondano le piattaforme internet del settore seguono godendo di assoluta impunità. Unitamente a questo, la Legge sugli affitti urbani (LAU) aggiunge un altro dilemma in quanto questa legge statale permette ai privati di realizzare affitti brevi senza offrire servizi turistici, evitando così di cadere nell’illegalità. In questa maniera un privato non deve iscriversi nel registro del Governo per gli affitti turistici ed evita, così, di pagare la eco tassa.

La legge sugli affitti vacanzieri pretende di stabilire un controllo più stretto

La nuova legge sugli affitti turistici stabilirà il tetto di posti turistici, incluse le offerte degli hotel e di altri soggetti. Con queste misure si pretende di stabilire un controllo più stretto e una maggiore certezza giuridica per gli affitti vacanzieri privati, un’attività che secondo il governo è triplicata negli ultimi due anni. Questo aumento di affitti e la mancanza di regolamentazione ha causato l’opposizione dell’Associazione degli albergatori che vedono negli affitti vacanzieri illegali una distorsione delle competenze e chiedono di regolarizzare la situazione includendo aspetti che i privati dovranno essere obbligati a rispettare, come gli albergatori, come per esempio informare le autorità competenti del cambio degli ospiti. Da parte sua, l’Associazione di Appartamenti Turistici (Aptur) lamenta il fatto che l’attività degli affitti vacanzieri non sia una priorità per il Governo. Nello studio di avvocati Bufete Frau siamo a disposizione per offrire ai nostri clienti tutti gli aggiornamenti in materia legale, fiscale e urbanistica.

Nuovo

Vuoi richiedere una consulenza legale online?

Chiedici un appuntamento per parlare via Skype e risolvere comodamente i tuoi dubbi.

Consulenza on-line